La storia

La storia di Pfizer comincia nel 1849, a New York, quando due intraprendenti immigrati tedeschi, i cugini Charles Pfizer e Charles Erhart, iniziarono a produrre materie prime per il settore chimico e alimentare ottenute grazie a processi fermentativi.

Nel giro di qualche decennio Pfizer divenne un importante produttore di acido tartarico, acido citrico, vitamina C, e diverse altre vitamine per via fermentativa e grazie alle conoscenze acquisite fu in grado di produrre in massa la penicillina di cui divenne produttore a livello mondiale.

A 50 anni dalla sua fondazione Pfizer era un produttore importante di vitamine e antibiotici, principi attivi destinati a modificare profondamente la vita, l'alimentazione, l'agricoltura e l'allevamento del secondo dopoguerra.

Da allora la società ha continuato ad investire in ricerca ed è cresciuta grazie alla scoperta di una serie di prodotti che hanno influenzato la salute e la qualità di vita dell'uomo.

L'intraprendenza, lo spirito pioneristico e le competenze specifiche dei due cugini Charles Pfizer e Charles Erhart (uno chimico e l'altro pasticcere) consentirono loro di creare rapidamente il loro primo prodotto di successo, la santoninia, e di sviluppare gli affari dedicandosi alla produzione di materie prime per i settori alimentare e chimico sfruttando anche le nuove tecnologie fermentative del XIX secolo.

Dopo 50 anni di attività Pfizer era già un'azienda leader nel settore chimico-farmaceutico, ma ulteriori progressi arrivarono nei primi anni del Novecento quando la conoscenza della fermentazione in vasche consente dapprima la produzione su larga scala di vitamine (vitamina C, B2, B12, A) e successivamente quella della penicillina e nel 1950 quella di ossitetraciclina, un antibiotico a largo spettro.

Nel 1955 Pfizer commercializzò per prima il vaccino antipolio di Sabin, distribuendolo poi gratuitamente nell'ambito di specifici programmi di assistenza.

A 100 anni dalla sua nascita Pfizer è un forte produttore di vitamine e antibiotici, farmaci la cui produzione di massa ha provocando radicali mutamenti in medicina, nell'alimentazione, nell'agricoltura e nell'allevamento.

Per rispondere meglio alle richieste dei suoi farmaci l'azienda inizia ad aprire uffici, filiali e aziende in tutto il mondo.

Nel 1959 a Groton viene aperto il primo centro di ricerca mondiale Pfizer: laboratori innovativi basati su gruppi di ricerca multidisciplinari, che iniziano a distribuirsi anche fuori dagli Usa.

Negli anni '80 e '90 Pfizer lancia una serie di medicinali innovativi in aree terapeutiche importanti, tra le quali quelle cardiovascolari, urologiche e infettive.

Nel 1999, dopo 150 anni Pfizer è una delle aziende farmaceutiche più premiate al mondo e la rivista Forbes nomina Pfizer "Compagnia dell'anno", in riconoscimento del suo successo nello scoprire e sviluppare farmaci innovativi.