Trapianti

Pfizer è fortemente impegnata nella ricerca di nuove strategie terapeutiche per l'ottimizzazione dell'immunosoppressione a seguito di trapianto d'organo.

Quando una persona è sottoposta a trapianto d'organo da donatore, il sistema immunitario del ricevente riconosce nell'organo trapiantato un "invasore" e, come succede con i virus e i batteri, lo attacca nel tentativo di eliminarlo (rigetto d'organo). Il rigetto può essere controllato soltanto grazie a farmaci immunosoppressori che limitano la normale reazione del sistema immunitario, consentendo all'organo trapiantato di essere mantenuto nel ricevente per molti anni e di funzionare in modo fisiologico, analogamente a quello originario.

I ricercatori Pfizer continuano a sperimentare nuovi farmaci per migliorare la funzionalità a lungo termine dell'organo trapiantato e la qualità di vita dei pazienti. Un nuovo immunosoppressore Pfizer ha ricevuto l'approvazione negli Stati Uniti e in Europa per la prevenzione del rigetto nei pazienti che hanno subito trapianti renali, mentre ulteriori progetti di ricerca ne stanno indagando l'impiego in altre importanti aree della trapiantologia.